venerdì - 2 Dicembre, 2022

Dal 1995 l'Informazione libera ed indipendente

Zecharia Sitchin e la dubbia traduzione dei testi sumeri

Data di pubblicazione:

Ultimi articoli

Articoli più letti

Il Grande Incendio di Londra – Cui prodest?

Sono passati ormai 353 anni dal Grande Incendio di Londra, un incendio che ha causato la distruzione di 436 acri di Londra, tra cui...

Sull’immigrazione

La guerra elettrica

Social Network

21,000FansMi piace
5,000FollowerSegui
8,850IscrittiIscriviti
spot_img
Condividi l'articolo:
Avvertenza: l'articolo non corrisponde necessariamente alle vedute della redazione. Le riflessioni finali sulla teoria popolare degli antichi astronauti meriterebbero un più ampio spazio di dibattito e riflessione, che non può essere esaurito qui. Abbiamo ritenuto interessante invece la ripresa del dibattito sull'appropriatezza delle traduzioni dei testi proposti da Sitchin. 
 
In un precedente articolo in 2 parti (1), gli autori hanno scritto sulle associazioni errate riferite alle divinità sumere note come Anunnaki come sono ritratte nei libri, nelle serie televisive e in altri media, che promuovono la Teoria degli Antichi Astronauti (di seguito "AAT"). L'articolo ha fatto risalire la rappresentazione degli Anunnaki resa popolare dall'AAT alla serie di libri Earth Chronicles di Zecharia Sitchin, e ha sottolineato che la versione di Sitchin degli Anunnaki non appare da nessuna parte nell'antica letteratura sumera. 

Dalla pubblicazione dell'articolo originale, ci sono state richieste di ulteriori informazioni sulle discrepanze tra ciò che dicono i testi sumeri e le "traduzioni" personali di Sitchin che si suppone siano avvenute negli anni '70. Questo articolo offre maggiori dettagli su questo argomento e presenta anche alcuni dei motivi per cui gli autori ritengono che potrebbe essere di una certa importanza considerare l'eredità di Sitchin con un certo grado di scetticismo.  

Gli Anunnaki

Al centro della narrazione di Sitchin c'è un gruppo di esseri alieni noti come Anunnaki, che secondo lui hanno incrociato il proprio DNA con quello di Homo erectus per creare l'umanità, con lo scopo di usare gli umani come schiavi per estrarre oro e altri minerali. Oggi questi Anunnaki sono spesso variamente descritti nella letteratura AAT come l'equivalente scientifico del creatore della specie umana, come rappresentato in numerose religioni. Anunnaki in realtà significa "Seme principesco" o "sangue principesco (reale)". [Al massimo possiamo riconoscere che letteralmente ed etimologicamente sarebbe "figli del Cielo (An) e della Terra (Ki)", cfr. Jeremy Black e Anthony Green, Gods, Demons and Symbols of Ancient Mesopotamia: An Illustrated Dictionary, 1992. Nota del Traduttore]. 
La traduzione di Sitchin di Anunnaki come "coloro che vennero dal cielo" è di per sé un errore o è stata completamente inventata, e tutte le traduzioni moderne del termine in questo modo si basano semplicemente sulle pubblicazioni di Sitchin. Gli studiosi sono liberi di cercare l'intero spettro della letteratura sumera suThe Electronic Text Corpus of Sumerian Literature (2) per verificare uno qualsiasi dei termini a cui fa riferimento Sitchin o il presente articolo per sé stessi.
Quattro statuette in lega di rame risalenti al c. 2130 a.C., raffigurante quattro antiche divinità mesopotamiche, che indossano caratteristiche corone cornute. (Osama Shukir Muhammed Amin/CC BY-SA 3.0)
Sulla scia dell'accoglimento di massa dei libri di Sitchin, una pletora di media popolari ha seguito la sua narrazione affermando che la letteratura sumera ritrae gli Anunnaki come un gruppo di esseri alieni scesi sulla Terra con astronavi, tute spaziali o altro armamentario. Non esiste una tale rappresentazione degli Anunnaki nei testi sumeri. In effetti, la corrispondenza più vicina a queste rappresentazioni è una descrizione di "L'Anunna, gli (dei, divinità) che An (o Anu) concepì nel cielo". 
Gli Anunnaki non sono mai raffigurati come divinità spaziali aliene nell'arte e nell'iconografia sumera, e quei simboli che l'eredità di Sitchin ha portato molti a credere li rappresentino in realtà si riferiscono ad altre divinità. Ad esempio, i dischi alati e le mezzelune, che proliferano così tanto nell'iconografia sumera, in realtà rappresentano specifiche divinità solari e lunari, non gli Anunnaki.
Sigillo del primo millennio che mostra un adoratore e un saggio vestito da pesce davanti a un albero stilizzato con una falce di luna e un disco alato posti sopra di esso. Dietro questo gruppo c'è un'altra forma vegetale con una stella radiante e un gruppo stelle (si pensa l'ammasso delle Pleiadi).

Antichi cercatori d'oro

Per quanto riguarda l'argomento delle antiche divinità che estraggono l'oro, potrebbe sorprendere molti lettori apprendere che lo stesso Sitchin non ha mai fornito un riferimento testuale dal corpus sumero a sostegno di questa teoria, che ha guadagnato un'incredibile popolarità. Una ricerca di esempi sull'oro che si trovano nell'Electronic Text Corpus of Sumerian Literature non riesce a trovare alcun riferimento agli antichi dèi che estraggono l'oro. In Il 12° pianeta, Sitchin afferma che Bel Nimiki (un appellativo di Ea) dovrebbe essere tradotto "Signore delle miniere". Tuttavia, non c'è alcuna giustificazione per questa traduzione, e nessuno dei ritratti di Ea nei testi sumeri lo associa alla signoria sulle antiche miniere d'oro. In realtà Ea è abitualmente associato alla saggezza o alla conoscenza, fornendo ulteriori basi per la traduzione comune di Bel Nimiki nel significato di "Signore della saggezza".
Particolare di Enki (Ea) dal sigillo di Adda
Il corpus sumero non afferma da nessuna parte che la creazione di Adamah o dell'umanità sia stata fatta in modo che l'umanità potesse servire come specie schiava per estrarre l'oro, e certamente non raffigura uno scienziato Anunnaki che incrocia il DNA alieno con i primati. La letteratura sumera racconta chiaramente la storia dell'umanità creata dagli dèi per assistere al processo della Creazione stessa. Quando gli umani si moltiplicarono e divennero troppo rumorosi, gli dèi si irritarono e mandarono un grande diluvio per spazzarli via. Il cuneiforme dice che un uomo fu istruito a costruire una barca, e lui, la sua famiglia e alcuni animali furono salvati dai sette giorni e sette notti di pioggia che causarono il diluvio. 

Nibiru

Secondo Sitchin, lo scopo di ottenere l'oro dalla terra era quello di salvare il pianeta Nibiru, un pianeta proveniente da oltre Plutone, che viaggia attraverso il nostro sistema solare ogni 3.600 anni. Il Dr. Michael S. Heiser (Ph.D., Hebrew Bible and Ancient Semitic Languages, University of Wisconsin-Madison) ha scritto un articolo sul tema di Nibiru come appare effettivamente nei testi cuneiformi (3), che illumina notevolmente i contesti e l'uso antico reale di questo termine. Attingendo al lavoro di diversi esperti tra cui lo stimato sumerologo Benno Landsberger e utilizzando anche il Chicago Assyrian Dictionary, Heiser ha analizzato tutti i testi cuneiformi conosciuti che menzionano Nibiru. Ha scoperto che il termine è usato solo in contesti astronomici o divini per riferirsi a quattro soggetti: il pianeta Giove, il pianeta Mercurio, il dio Marduk, e una stella. Pur riconoscendo che questa quadruplice applicazione della parola causa una certa confusione tra gli studiosi, Heiser sottolinea: "Una cosa è certa dai testi… Nibiru non è MAI identificato come un pianeta oltre Plutone." (3)
Un'interpretazione artistica di Nibiru
Heiser riassume i dati su Nibiru dai testi antichi contro Sitchin in sei punti: 
1) Nibiru è chiamato una stella. 
2) Nibiru è chiamato pianeta – quasi sempre Giove-Marduk, ma una volta Mercurio, e mai qualcosa oltre Plutone o i pianeti conosciuti. 
3) I Sumeri, dai loro stessi documenti, conoscevano solo cinque pianeti (e accettavano il Sole e la Luna come pianeti). 
4) Nibiru non è mai menzionato in alcun modo insieme agli Anunnaki; non si dice mai che sia stato o sia abitato. 
5) Nibiru è sia una "stella fissa" in qualche relazione con le costellazioni (non è noto se un membro o solo nelle vicinanze) che le "tiene" nel loro corso, ma è anche descritto a volte "cambiare posizione" e "attraversare" il cielo. 
6) Nibiru è stato visto ogni anno, il che demolisce la visione di Sitchin di un ciclo di 3600 anni. 
L'affermazione di Sitchin secondo cui i Sumeri avevano una vasta conoscenza del sistema solare è incompatibile con il sistema della cosmoastronomia registrato dagli stessi Sumeri. Sebbene i testi associno particolari pianeti a determinate divinità, il cuneiforme non menziona mai più di sette corpi planetari (contando il sole e la luna). Ad esempio, le due tavolette MUL.APIN datano il sorgere di 36 stelle fisse, così come i percorsi di Venere, Giove, Marte, Saturno, Mercurio, Sole e Luna. 
Sigillo cilindrico VA243 usata come prova da Sitchin
In Il 12° pianeta, Sitchin cita il Sigillo Cilindro VA243 (nella collezione del Vorderasiatische Museum di Berlino) come prova che i Sumeri avevano acquisito una vasta conoscenza del sistema solare dagli extraterrestri. Da allora il sigillo è diventato famoso tra i sostenitori delle teorie di Sitchin e ha inviato numerosi ricercatori in missioni in tutto il mondo per scoprire opere simili. Sitchin afferma che un'immagine simbolica in alto a sinistra del sigillo rappresenta il sole e 11 corpi planetari, affermando così il suo scenario da "12° Pianeta”. L'immagine è di un globo circolare centrale racchiuso all'interno di una stella a sei raggi, circondata da 11 piccoli "punti". Tuttavia, come fa notare Heiser (4), gli oggetti celesti con 6, 7 e 8 punti nell'arte sumera rappresentano sempre stelle distinte dal nostro sole locale. I Sumeri in realtà rappresentavano il sole locale (e la divinità solare Utu o Shamash ) con uno di due simboli: o un cerchio con quattro “braccia”, tra le quali emanavano quattro “onde”, oppure il disco solare alato. Nessuno di questi simboli appare su VA243. Inoltre, l'arte sumera è piena di esempi quando il vero simbolo del sole appare accanto al simbolo a 6, 7 o 8 raggi per "stella" che appare su VA243, dimostrando che i simboli solari e stellari non erano intercambiabili nel cosmo sumero.
È stato suggerito che VA243 possa effettivamente rappresentare un'offerta fatta a una divinità della fertilità (4). Ciò potrebbe essere supportato dall'interpretazione del sigillo, che recita: “Dubsiga, Illi-illat, tuo/suo servo” (5). 
In effetti, ci sono centinaia di sigilli cilindrici simili a VA243 noti come sigilli di "offerte", che presentano un simbolo di "stella" a 6, 7 o 8 raggi sopra le teste delle divinità per distinguerle dai mortali nelle immagini. 
La stella si vede sopra le teste delle divinità qui ritratte su un cilindro babilonese (sebbene neo-assiro). (CC BY-SA 3.0)

Conseguenze e ricerca della verità

Perché è importante mettere alla prova le teorie di Zaccaria Sitchin? In realtà, è di vitale importanza mettere in discussione qualsiasi narrativa che pretenda di spiegare le origini dell'umanità e il nostro posto nel cosmo. Tuttavia, le opere di Sitchin, insieme a quelle di Erich von Däniken, hanno innescato l'ascesa di una teoria che oggi è più un'industria che un campo di ricerca. E come un'industria che vende offrendo una spiegazione intrigante per le origini dell'umanità (antica ingegneria genetica), un'apocalisse (quando Nibiru tornerà), una speranza di redenzione futura (quando ET tornerà a salvarci) e un nuovo tipo di "divinità" scientifica (gli stessi alieni), l'AAT può essere propriamente definita come una religione in crescita. Studi recenti hanno mostrato un declino delle pratiche religiose tradizionali in America (6). Un'indagine condotta nel 2014 ha dimostrato che il 35% delle persone nate tra il 1981 e il 1996 si considera privo di affiliazione religiosa (7). Dall'altro lato della medaglia, un altro recente sondaggio della 20th Century Fox ha rivelato che circa la metà degli americani crede nell'esistenza di extraterrestri, mentre poco meno del 39% crede che gli alieni abbiano visitato la Terra in passato (8).
L'AAT sta crescendo per riempire il vuoto lasciato dal declino della religione tradizionale in Occidente? Probabilmente lo è per alcuni, il che è un peccato considerando che la stessa AAT può essere dimostrata piena di tutti i difetti solitamente associati alla religione ufficiale, come fare affidamento su traduzioni errate di testi antichi, essere basata sulle fantasie degli scrittori e usare il divino o simboli e storie religiose per promuovere uno sforzo capitalistico (marketing). Come possono i liberi pensatori continuare a non considerare i nuovi paradigmi emergenti con lo stesso occhio critico con cui vediamo quelli del passato?
Un altro motivo per cui l'AAT dovrebbe essere considerata con un sano grado di scetticismo è che è emersa per diventare un "fattore X" universale per spiegare molti dei veri e propri misteri del passato dell'umanità. Oggi ci sono versioni di AAT per un pubblico di ogni tipo, poiché gli "alieni" diventano intercambiabili con gli angeli caduti, i Nephilim, ecc. In quanto tali, "antiche manomissioni genetiche" o "antichi alieni" stanno diventando dei contenitori usati per spiegare l'archeoastronomia, crani allungati artificialmente, antiche strutture megalitiche, metallurgia avanzata, resti scheletrici molto grandi o comunque anomali e praticamente qualsiasi cosa interessante lasciata dagli antichi umani. Poiché la necessità di scrivere su un "fattore X" è cresciuta al punto da comprendere la totalità della storia, può solo portare i ricercatori a trascurare l'elemento umano molto reale, che ha dato vita al mondo antico. Pertanto, gli autori suggeriscono che i futuri ricercatori indipendenti che indagano sugli antichi misteri inizino guardandosi intorno qui sulla Terra per avere risposte, prima di guardare le stelle.     
Immagine di copertina: Foto di Zecharia Sitchin (a sinistra)(CC0)Sigillo cilindrico accadico risalente al 2300 aC circa raffigurante le divinità Inanna, Utu ed Enki, tre membri degli Anunnaki.(a destra) 
 
pubblicato su Ancient Origins
 
Per saperne di più sul lavoro di Jason e Sarah, visita Parradigm Collision.
Condividi l'articolo:

Potrebbe interessarti anche ...

Quando il profugo non è politicamente corretto

Reem e la Merkel: quando il profugo non è politicamente correttoBerlino, 29 lug – Il video ha invaso il web e ha commosso tutti...

ANCORA SUL TRATTATO DI LISBONA News Internazionali

Nonostante la palese difficoltà, per il normale cittadino, di comprendere le effettive conseguenze che comporterebbe l’implementazione del trattato di Lisbona, è ormai chiaro che...

Campagna per l’uscita dell’Italia dalla Nato

L’Italia, facendo parte della Nato, deve destinare alla spesa militare in media 52 milioni di euro al giorno secondo i dati ufficiali della stessa...

Bio Vibration – Ringraziamenti

Si è concluso ieri l’incontro di BIO VIBRATION - Le frequenze della vita: un fine settimana coinvolgente, immerso in un luogo, Tenuta di Fassia, dove la...

Abbonati a Nexus

Eventi Nexus

Le potenzialità del nostro cervello

0
Grazie alle neuroscienze, oggi possiamo governare meglio le nostre emozioni, soprattutto nelle relazioni interpersonali.A ribadirlo con straordinaria autorevolezza sarà ancora una volta il Dott....

Eventi Segnalati

Iscriviti alla Newsletter

Rimani sempre aggiornato sul mondo Nexus.

Conferma la tua iscrizione tramite la mail che riceverai.

Sostieni Nexus Edizioni

spot_img

YouTube